Amianto

amianto
 

L’amianto o asbesto è un minerale naturale a struttura fibrosa molto utilizzato in passato. La sua particolare struttura fibrosa rende l’amianto un materiale molto resistente al calore e al fuoco, all’azione degli acidi, all’abrasione e all’usura, alla trazione, dotandolo di capacità fonoassorbenti e termoisolanti.
È per queste sue particolarità che è stato impiegato nella costruzione di edifici.
Lo si può trovare negli edifici, costruiti prima del 1992, come costituente:per coperture, controsoffitti, tubazioni, guarnizioni di caldaie, isolanti termici/acustici.
Richiede attenzione quando i manufatti iniziano a deteriorarsi, perché le fibre minerali che lo costituiscono possono disperdersi nell’ambiente.

L’amianto, essendo costituito da piccolissime fibre, che hanno la caratteristica di dividersi fino ad alcuni milionesimi di millimetro, è estremamente pericoloso se inalato, potendo entrare in profondità negli alveoli polmonari.

Non ha assolutamente caratteristiche radioattive o tossiche, come erroneamente ritenuto. La sua pericolosità è dovuta solo alla inalazione e quindi le malattie conseguenti interessano solo l’apparato respiratorio (malattie di tipo irreversibile, dalle quali cioè non si può guarire).

La Regione Lombardia ha definito i criteri per l’applicazione delle sanzioni in caso di mancata denuncia della presenza di amianto (scarica il documento: DGR_IX477713).

Dcomunetazione Associata:

Vedi anche:
Incontro Amianto del 11 dicembre 2012

   
Privacy | Cookie Policy | Note Legali | Copyright © 2017 | powered by Proximalab s.a.s. & CoriWeb s.r.l. & XSeo
Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Web Content Accessibility Guidelines Conformance Bussola della Trasparenza Report